Segnalazione di Malasanità  da Vittorio Veneto

Argomento: News malasanità 

Una paziente ci scrive:

 

...da qualche mese mi rendo conto che non ci vedo più bene, soprattutto mentre lavoro al computer e quando leggo, non mi preoccupo più di tanto pensando che sono già fortunata, vista l'età (ho ...anni) a non aver mai avuto bisogno degli occhiali da vista. Ma, un episodio (vedevo dei lampi con l'occhio dx che mi impediva qualsiasi attività) che si è ripetuto più volte mi convice a recarmi dal mio medico di base. Il .../09/09 il medico mi prescrive una visita oculistica precisando nell'impegnativa "visita oculistica - problemi alla vista". Il .../09/09 mi reco presso il distretto sanitario di Vittorio Veneto per prendere l'appuntamento, l'operatrice mi comunica che posso decidere di andare il giorno seguente ossia il .../09/09 alle ore ....che si era appena liberato un posto, oppure si andava a marzo 2010, ovviamente scelgo l'appuntamento del ...c.m.. Il giorno dell'appuntamento vengo accolta dal medico con parole e commenti del tipo "vediamo che urgenza ha questa che è riuscita ad avere un appuntamento così in fretta" "il medico che ha rilasciato l'impegnativa è da radiare dall'albo dei medici" ed altro...a quel punto interdetta prendo la parola spiegando che ho avuto la fortuna di presentarmi allo sportello nel momento in cui si era liberato un posto. A quel punto mi chiede che tipo di problemi ho. Spiego i motivi che mi hanno indotta alla visita e mi sento rispondere che lui mi poteva verificare solo uno dei due problemi, a quel punto dico che secondo me è meglio che veda quello che io ritenevo più preoccupante..lui mi risponde che decide lui e mi fa una visita (se così si vuole chiamare) in cinque minuti mi dice che ci vedo benissimo, per l'altro problema dovevo effettuare un'altra visita. e redige una lettera da recapitare al mio medico. A quel punto chiedo come mi comporto se si verifica un'altro episodio come quello che mi ha spinto alla visita, lui risponde che posso benissimo recarmi al pronto soccorso, mi rilascia comunque un'impegnativa, uguale a quella che mi aveva rilsciato il mio medico di base. Esco delusa e senza parole.

Attualmente non ho ancora preso l'appuntamente per la visita che mi è stata prescritta. Mi scuso per lo sfogo, ma mi sono veramente sentita offesa e indifesa, e chiedo un Vostro parere per sapere dove ho sbagliato, se ho sbagliato???? Ringraziando per l'attenzione prestatami, cordialmente saluto.

Dopo la nostra risposta, la paziente, molto cortesemente, ci scrive:

Ringrazio per la sollecitudine e la celerità nella risposta.

Vi autorizzo a mettere on lina la mia segnalazione...Appena mi sarà possibile mi recherò all'asl per segnalare l'accaduto. Mi rincuora veramente sapere che ci sono servizi come questo che funzionano davvero. Grazie ancora.

Lettera firmata



Sospensione patente, un cittadino si ribella: ho sbagliato, ho pagato, ma non intendo essere preso in giro

Argomento: News consumatori

Trovato alla guida con un tasso di poco superiore al limite, ha accettato con dignità la punizione che lo Stato ha predisposto: sei mesi di sospensione della patente...ma non l'ha ancora ricevuta indietro...dopo quasi otto mesi a causa -così ci dice- della disorganizzazione del servizio della motorizzazione civile di Treviso. Accade infatti che nel protocollo che gli viene consegnato non appaiano riportati tutti gli esami invece necessari pertanto, presentatosi con gli esami prescritti e perfettamente in regola, viene rimandato a casa per eseguirne altri che si erano "dimenticati" di indicare per errore. Si lamenta del caso, fa presente che sua moglie è incinta, che è fissato il parto con tagli cesareo programmato per i primi giorni di ottobre, ma non c'è nulla da fare, e in luogo delle scuse per un disservizio, si sarebbe sentito apostrofare con un "d'altronde è lei che ha commesso un reato, e ne deve subire le conseguenze!".

Ma scherziamo ? Le conseguenze di un reato consistono nella pena stabilità dal codice, e non nelle conseguenze della disorganizzazione degli uffici ! Aver commesso uno sbaglio -ammettendo il proprio errore ed accettando le conseguenze- significa forse essere degradati da cittadini a sudditi che oltre alla pena prevista dovrebbero subire in silenzio anche "pene accessorie" legate alla scortesia e alla disorganizzazione di persone ed uffici il cui stipendio siamo noi cittadini a pagare ? Questo si chiede il cittadino che ci descrive il suo caso che sarà oggetto di apposita segnalazione al Ministro Brunetta.

Vi terremo informati sugli sviluppi, intanto potete seguire la discussione anche qui.



Malasanità  a Conegliano: Contagiati in ospedale dalla scabbia saranno risarciti anche del danno esistenziale


Ma si chiedono perchè sia stato necessario un processo per prendere atto di una situazione tanto evidente e correre ai ripari risarcendo il danno in modo tempestivo. Il fatto risale ad alcuni anni or sono, quando il loro caro, malato terminale, ha contratto la scabbia e, durante il ricovero, l'infezione non è stata diagnosticata dai sanitari tanto che i parenti del ricoverato sono stati contagiati e tra loro anche lacuni bambini. Il caso è sembrato subito evidente ma la struttura sanitaria non ha provveduto ad alcun risarcimento, nonostante plurimi tentativi di raggiungere un accordo bonario. Le compagnie di assicurazione si sono spalleggiate la responsabilità ed è stato necessario rivolgersi al Giudice: nel corso del processo è stato accertato che la scabbia poteva e doveva essere diagnosticata tempestivamente così da evitare inutili sofferenze al paziente ed il rischio di contagio a chi lo assisteva. Sono risultati quindi positivi all'infezione in sei, e costretti all'isolamento e alla cura sino alla completa guarigione. Dopo inutili attese, la compagnia si è finalmente determinata al risarcimento del danno biologico ed esistenziale tanto che il procedimento sarà abbandonato ma i contagiati si chiedono perchè la compagnia abbia preferito pagare di più dopo l'instaurazione di un giudizio anzichè trattare prima una somma magari anche inferiore, quanto meno in termini di spese del giudizio. E gli aumenti dei costi delle polizze sanitarie...chi li paga ? A chi conviene trascinare tali procedure, aumentarne i costi complessivi ? Alla compagnia di assicurazione che poi ha buon gioco per aumentare i costi dei premi?

Le loro domande attendono una risposta.



Vacanza rovinata: il termine di dieci giorni previsto dall'art. 98 cod. consumo non è di decadenza

Argomento: News consumatori

Importante sentenza del Giudice di Pace di Conegliano che ha accolto la tesi dei legali dei consumatori che, vittima di disservizi nel corso di un viaggio in Honduras, avevano chiesto il risarcimento del danno al tour operator. Quest'ultimo in giudizio ha sostenuto che i turisti erano ormai decaduti dal diritto di agire in giudizio per non aver inviato la prevista raccomandata entro dieci giorni dal ritorno a casa. I legali dei consumatori assistiti dagli Avv.ti Francesca e Nicola Todeschini, hanno invece sostenuto che la corretta interpretazione della norma non consente d'individuare una decadenza in ipotesi di mancato invio della raccomandata.

Ringraziamo per il commento Persona e Danno, la prestigiosa rivista on line che hapubblicato un saggio dell'Avv. Nicola Todeschini.

Qui potrete leggere lo spazio che il Giornale dell'Unione Nazionale Consumatori ha dedicato alla vittoriosa sentenza.




Codice del Consumo: ultimi aggiornamenti

Argomento: News consumatori

Ringraziamo Persona e Danno per la segnalazione. CLICCA QUI





Ora siamo anche su Facebook: iscriviti al nostro gruppo !

Argomento: News malasanità 

Facebook agevola senza dubbio lo scambio di idee, i contatti, le discussioni: ecco perchè abbiamo creato un Gruppo che potete raggiungere liberamente per partecipare in modo attivo. Aiutaci a farlo crescere, la tua opinione per noi è importante !






  • Elenco news
  • Archivio news
Seguici sui Social Network 
 
FBacebook:
 
News giuridiche grazie a 
   
Centro Studio Difesa del Malato 
 


Tel. e Fax: 0438/420581
Email: segnalazioni@difesamalato.it
 

 
pix
 
     

Copyright ’© 2005-2014. Centro di Studio per la Difesa del Malato. All Rights Reserved.
Questo portale è stato sviluppato da Metarete s.r.l. e utilizza la piattaforma metaNuke

Valid XHTML 1.0 site Valid CSS site